Instant

Per tenersi aggiornati - Saggi giornalistici

 

 

Il complotto

A furia di parlare di Armageddon nessuno ci crederà più.- €_10,00

 

complotto160

Marco Zoppas

Il complotto

L'intrigo internazionale, lo spionaggio, il ricatto, il gioco di potere dietro i grandi eventi.

Euro 10,00

pp. 128 storia

ISBN 9788887303148

Abstract

Dal profilo dei grandi agenti segreti, ai petrolieri americani che rifornirono il nazismo durante il conflitto... Dalle psi spies del paranormale durante la guerra fredda, all’undici settembre.
Attraverso la fenomenologia del complotto, ci si addentra in un mondo parallelo dagli scenari oscuri e invariabilmente inquietanti.
Molto ci sfugge nella comprensione degli ultimi grandi eventi internazionali e non tutto viene detto.
Tuttavia come dar credito alle interpretazioni dietrologiche?
A furia di parlare di Armageddon, nessuno ci crederà più
Il teatro sta bruciando e il clown sale sl palco per avvertire il pubblico, ma tutti scoppiano a ridere e muoiono tra le fiamme.
Per comprendere che la teoria del complotto può svelare ma anche depistare, in un gioco di specchi.
Ci resta l’amaro in bocca di sapere che tutto è falso e tutto simultaneamente è possibile.
Libro d’attualità, intercetta un crescente interesse per il quadro internazionale e coglie ansie consce e inconsce sempre più diffuse.
Legatura cucita, carta spessorata, copertina colori morbida con ali, plastificata lucida, cm 14,3 x 21 spessore cm.1,5

Presentazioni, Recensioni, Giudizi

Recensioni
- Lunga e bella recensione di Massimiliano Crosato per la Tribuna di Treviso, La Nuova Venezia e Il Mattino di Padova: «Un interessante viaggio nelle terie cospirazioniste... un libro agile che si fa leggere per la brillante scrittura e che abbonda di colti riferimenti letterari...»
- Ampia descrizione nel sito Arcobaleno: http://www.arcobaleno.net/cultura/complotto.htm
-Dettagliata e lusinghiera recensione di Paola Fantin, in prima pagina sul sito del giornale on line tg0-positivo: http://www.tg0.it/doc.php?foglio=2&doc=442
-Marco Dognini per Città del Capo Radio Metropolitana di Bologna, circuito Popolare Network.
Presentazioni - Venerdì, 11 febbraio 2005 ore 21, presso lo spazio Antonino Paraggi di Treviso, via dei Pescatori 23: Canzoni per il Complotto esecuzioni musicali del Gruppo Bubamara. Marco Zoppas presenterà il concerto con un breve intervento.
- 24 aprile 2005, ore 16,00, presso Blunauta di Via Dante a Milano nell’ambito di San Giorgio - Festa dei libri e delle rose.
- 4 giugno, presso locale il jazz Al vapore di Marghera, partecipa la band dei Bubamara.
- Lunedì, 20 giugno 2005, dalle onde di Radio Rock di Roma, con dj Magus.

il Brano

"...La propensione a invadere la privacy dei cittadini americani... illustra i metodi... di Angleton, e gli valse il soprannome di "No-knock", "l’uomo che non bussa". Solo l’arrivo di William Colby, un’autentica nemesi per Angleton, alla direzione della CIA nel 1973 pose fine a uno strapotere che sembrava non conoscere limiti...
Se Clausewitz pronunciò la celebre frase "la guerra è il proseguimento della politica con altri mezzi", per Angleton lo spionaggio era invece il proseguimento della guerra con altri mezzi e i servizi segreti in pratica rimpiazzavano le forze armate nella nuova sfida fra colossi della guerra fredda. Se controlli il controspionaggio - diceva Angleton - controlli tutto il servizio di intelligence: un approccio maniacale quanto si vuole, eppure aperto a più scenari, nel fronteggiare nuove minacce. Per i sostenitori di Angleton il suo concetto di controspionaggio totale ha il pregio della duttilità. Rappresenta il miglior antidoto alla miopia che ha permeato l’attività dei Servizi americani nei decenni successivi al licenziamento di "No-knock" e che clamorosamente sfocia nella debacle dell’undici settembre 2001. In effetti il timore espresso da Angleton di una duplice penetrazione del KGB ai danni dell’America si è rivelato fondato quando, negli anni ottanta, Aldrich Ames, responsabile del controspionaggio antisovietico della CIA, e Robert Philip Hanssen, addetto al controspionaggio antisovietico dell’FBI, sono entrambi stati smascherati in quanto agenti segreti del KGB..."

Marco Zoppas

Lunghi trascorsi in Israele, Stati Uniti, Germania...
Dopo anni di attività in grandi case editrici, Marco Zoppas ha potuto dedicarsi alla passione di sempre: la fenomenologia del complotto. E si avvia a essere il primo esperto italiano in conspiracy theories.

 

 

 

Avviso obbligatorio sui "cookies". Come tutti i siti internet, ti dobbiamo avvertire per legge che stai lasciando traccia del tuo passaggio. Soggetti terzi possono utilizzare queste tracce per capire quale tipo di navigatore sei e quali sono le tue preferenze. Se continui la navigazione ne sei consapevole e lo accetti.