Sociologia

Storie vere - Quando la realtà supera la fantasia

Lungo la via

Perché una donna si dona al Signore: perché questo spesso comporta in qualche modo una separazione?

 

 

missionarieJm

Eugenio Lombardo

 

Lungo la Via

Il percorso di vita di dodici missionarie lodigiane

 

Euro 9,00

pp. 150 saggio ISBN 978-88-87303-30-8

Abstract

Perché si va in missione. Per portare la Parola, per fare opere di carità, per aiutare il prossimo, per avvicinarsi a Dio. Una donna si dona al Signore: perché questo spesso comporta in qualche modo una separazione? Che sia in clausura, che sia in esilio quarantennale? E poi per costruire edifici, per curare la gente, per pulire, per cucinare... come si fa con quei lunghi vestiti? In una parola: ma come fanno le missionarie? Come fanno in particolare le ragazze lodigiane, partite cento anni fa da una realtà rurale e andate a conquistare il mondo: spesso in tre o quattro all’inizio di una missione, quando fanno ritorno, si lasciano alle spalle un grande ospedale, un territorio trasformato, un gruppo sociale motivato che sarà lievito nella società locale. A sentirle raccontare sembra tutto accaduto per caso, semplicemente. Mai un’allusione al Mistero e alla Grazia che operano in Loro. Evidentemente.
Alle brevi parole introduttive di Mons. Giuseppe Merisi, Vescovo di Lodi, seguono la prefazione di Maria Ignazia Angelini, Madre presso l'Abbazia di Viboldone,  l'introduzione dell'autore e le dodici missionarie alla cui “Via” il libro è interamente dedicato: Suor Andreina Gallinari, Suor Giuseppina Gnocchi, Francesca Vecchietti, Suor Costanza Mazzi, Valeria Spelta, Suor Adriana Bricchi, Suor Maria Amiti, Lina Panigada, Marina Cantoni, Suor Ilia Peveralli, Suor Paola Grignani.
Coperta con ali in carta ruvida con intrusioni perlescenti, stampata in quadricromia. Legato in brossura. Cm 14,3 x 21 spessore cm.1,2

Eugenio Lombardo

Eugenio Lombardo, classe ’62, è un catanese di stanza a Lodi, ormai in servizio permanente effettivo, anche se non rinnega le origini, di cui come ogni siciliano va fiero, ma le annoda, una ad una, ai residui filari dei pioppi padani. A Lodi ha iniziato a scrivere per il quotidiano locale, «Il Cittadino», di cui da anni è un collaboratore fisso. E’ autore di saggi sulla storia locale lodigiana, nonché di un’apprezzata biografia di don Leandro Rossi.

Presentazioni, Recensioni, Giudizi

Recensioni
 - «Il Cittadino» di Sabato 11 ottobre 2008,Lombardo e le donne in missione: incontri di spiritualità al femminile di Ferruccio Pallavera.
- «Il Cittadino» di Sabato 18 ottobre 2008,Da Lombardo dodici profili di donne... lungo la Via di Ferruccio Pallavera:
«Lungo la via è destinato a rappresentare un piccolo scrigno di memorie. È un libro ispirato dal
Centro Missionario lodigiano affinché, nei prossimi mesi, raggiunga tutti i missionari lodigiani nel mondo e dia loro conforto e sostegno, sapendo che l’impegno di ciascuno fa parte di una condivisione più ampia, grazie alla quale, quella Fede di cui ha scritto madre Ignazia Angelini, e di cui Lombardo si è reso inconsapevole testimone, continui a camminare dentro al cuore degli uomini.»

il Brano

«Francesca era nata alla cascina san Vito di Camairago nel 1916. Suo padre si chiamava Luigi e faceva il mungitore; (...) Francesca  era l’orgoglio del padre: amava la natura e lavorava sui campi, guidando il cavallo nelle operazioni di aratura. La scelta di lavorare in campagna era stata quasi obbligata: i due fratelli maggiori erano morti e occorreva aiutare il padre. Ma Francesca lo faceva riempiendo il suo volto – aveva occhi cerulei, bellissimi – di un sorriso permanente. Ogni suo gesto era naturale, espressione di una grande virtù d’animo. (...) Oggi la lapide di suor Francesca, nel cimitero di Hong Kong, continua ad accogliere sempre nuovi fiori.»

 

 

 

Avviso obbligatorio sui "cookies". Come tutti i siti internet, ti dobbiamo avvertire per legge che stai lasciando traccia del tuo passaggio. Soggetti terzi possono utilizzare queste tracce per capire quale tipo di navigatore sei e quali sono le tue preferenze. Se continui la navigazione ne sei consapevole e lo accetti.